Home | Cerca nel sito | Link | Fonti | Il film preferito | L'attore preferito | E-Mail | Aiutatemi
OPZIONI DISPONIBILI
Scheda Attore
Biografia
Altre fotografie
Ruoli da tecnico
Ruoli da interprete
Dai la tua valutazione

Film con il solo Stan
Film con il solo Babe
Cortometraggi muti
Cortometraggi sonori
Lungometraggi
Raccolte italiane
Raccolte straniere
Partecipazioni
Harry Langdon
Biografia

Harry Langdon (Council Bluffs, Iowa 1884 - Los Angeles, California 1944) attore comico statunitense.

Debutta giovanissimo nel varietà, e diventa famoso come comico nel vaudeville. Nel 1923 viene notato e scritturato dal produttore di comiche Mack Sennett, scopritore di tanti talenti, come Charlie Chaplin, Buster Keaton, Roscoe 'Fatty' Arbuckle, ecc… Il suo primo cortometraggio è Picking Peaches, del 1924.

L'attore arriva al cinema con un'esperienza teatrale quasi trentennale e porta sullo schermo il suo tipo di personaggio 'lunare', piccolo, gentile, triste, dai movimenti timidi e impacciati. Se Buster Keaton era 'il comico che non ride mai', Langdon si afferma come 'il comico dal volto triste'. Lo strano, piccolo personaggio di Langdon non si limitava a reagire meccanicamente davanti a determinate situazioni, ma usava l'azione per risolvere i propri problemi.

Raramente nei film di Langdon vi sono scene comparabili alle sequenze vertiginose che caratterizzano i film di Harold Lloyd e Buster Keaton. Il forte dell'attore erano le pantomime di situazioni da routine.

Nel 1926 interpreta il suo primo lungometraggio Tramp, Tramp, Tramp (Di corsa dietro al cuore), diretto da Henry Edwards. Questo film conserva grandi qualità. In una maratona transcontinentale Langdon cerca di vincere la gara per conquistarsi i favori di una ragazza, interpretata da Joan Crawford in uno dei suoi primi ruoli cinematografici.

Quello stesso anno e il successivo è in due film di Frank Capra, The Strong Man (La grande sparata) e Long Pants (Le sue ultime mutandine. Nel 1928 dirige e interpreta ben tre lungometraggi: Three's Crowd, The Chaser, Heart Trouble, che agli occhi della critica appaiono come una leggera involuzione del suo peculiare stile comico, un passo indietro addebitabile a un eccesso di intellettualismo un po' confuso.

L'avvento del sonoro decreta la fine della sua carriera da attore. Negli anni successivi continua a lavorare nell'ambiente cinematografico, sia a livello di piccole partecipazioni, sia come soggettista, sceneggiatore, consulente e produttore.

Suoi sono anche i soggetti di alcuni film di Stan Laurel e Oliver Hardy: Blockheads (Vent'anni dopo o Stanlio e Ollio teste dure, 1938), The Flying Deuces (I diavoli volanti, 1939), A Chump at Oxford (Noi siamo le colonne, 1940) e Saps at Sea (C'era una volta un piccolo naviglio, 1940).

Quando lo coglie la morte, a sessant'anni, sta lavorando come comparsa per la società Monogram and Republic.


    Powered by ARUBA