Home | Cerca nel sito | Link | Fonti | Il film preferito | L'attore preferito | E-Mail | Aiutatemi
OPZIONI DISPONIBILI
Scheda Attore
Biografia
Altre fotografie
Ruoli da tecnico
Ruoli da interprete
Dai la tua valutazione

Film con il solo Stan
Film con il solo Babe
Cortometraggi muti
Cortometraggi sonori
Lungometraggi
Raccolte italiane
Raccolte straniere
Partecipazioni
Tiny Sandford
Biografia

Stanley J. Sandford, detto 'Tiny' (Osage, Iowa 1894 - Los Angeles, California 1961) attore statunitense.

Entrato in cinema nel 1916 grazie al produttore e regista Mack Sennett, Tiny Sandford è stato uno dei caratteristi che ha maggiormente lavorato con Stan Laurel e Oliver Hardy: infatti le pellicole girate con la coppia di comici sono ben ventitré. Il suo ruolo accanto alla coppia era generalmente quello del poliziotto o della guardia; col suo fisico massiccio e imponente si è sempre prodotto in ruoli di scorbutico antagonista.

Nel cortometraggio muto Big Business (Grandi affari, 1929), Sandford recita nella parte del poliziotto che pone fine alla serie di disastri combinati dai due venditori di alberi di Natale, in pieno luglio, ai danni del solito James Finlayson. Affiancherà i due comici, sempre nel ruolo di guardia, in pellicole come The Second Hundred Years (I due galeotti, 1927), The Hoosegow (Lavori forzati, 1929) e Pardon Us (Muraglie, 1931), il primo lungometraggio della coppia. Accanto a queste interpretazioni, recita anche nei panni di cameriere in Their Purple Moment (Una bella serata, 1928), Below Zero (Sotto zero, 1930) e Blotto (La sbornia, 1930) o addirittura di bandito in Our Relations (Allegri gemelli o I nostri parenti, 1936).

Con la coppia di comici girerà l'anno successivo anche Way Out West (I fanciulli del West o Allegri vagabondi), nella parte di uno sceriffo, ma nella versione definitiva proiettata nelle sale cinematografiche, Sandford viene sostituito con Stanley Fields.

Nella sua lunga e intensa carriera Sandford ha recitato anche con Charlie Chaplin, in The Circus (Il circo, 1928), nel ruolo di un inserviente, e Modern Times (Tempi moderni, 1936), nella parte di un ladro. La sua ultima interpretazione è stata quella di un cuoco in Shoe Shine Boy (1942).


    Powered by ARUBA