Home | Cerca nel sito | Link | Fonti | Il film preferito | L'attore preferito | E-Mail | Aiutatemi
OPZIONI DISPONIBILI
Scheda Attore
Biografia
Altre fotografie
Ruoli da tecnico
Ruoli da interprete
Dai la tua valutazione

Film con il solo Stan
Film con il solo Babe
Cortometraggi muti
Cortometraggi sonori
Lungometraggi
Raccolte italiane
Raccolte straniere
Partecipazioni
George Marshall
Biografia

George Marshall (Chicago, Illinois 1891 - Los Angeles, California 1975) regista e sceneggiatore statunitense.

Dopo aver frequentato l'Accademia Militare e l'Università di Chicago, comincia la sua carriera nel cinema nel 1913 come comparsa negli studi della Universal. L'anno seguente passa alla regia sempre per la Universal e realizza alcune brevi pellicole western, a volte in collaborazione con Harry Carey. Dopo la prima guerra mondiale, nel 1919 torna al cinema. Negli anni'20 lavora per grandi case di produzione, come la Pathé e la Fox. Dal 1927 al 1929 George Marshall dirige per la Warner i suoi primi cortometraggi comici.

In seguito passa alla MGM e nel 1932 firma la regia del suo primo lungometraggio: Pack Up Your Troubles (Il compagno B), con Stan Laurel e Oliver Hardy. Dirigerà ancora la celeberrima coppia di comici in due divertentissimi cortometraggi: Their First Mistake (Un'idea geniale, 1932) e Towed in a Hole (Trainati in un buco, 1932).

Successivamente si specializzerà in film western, in riviste musicali e nel genere comico. Fra le regie d'anteguerra vanno ricordati Life Begins at Forty (La vita comincia a 40 anni, 1935), in cui fa una delle sue ultime apparizioni William Rogers, e Show Them no Mercy (Sterminateli senza pietà, 1935), un thriller molto sostenuto. Con The Goldwyn Follies (Follie di Hollywood, 1938) uno dei più sfarzosi ed eleganti film-rivista, Marshall firma la prima rivista girata in Technicolor. Del 1939 è Destry Rides Again (Partita d'azzardo, 1939), eccellente western con Marlene Dietrich e James Stewart. Negli anni'40 firmerà la regia di due divertentissime commedie con Bob Hope: The Ghost Breakers (La donna e lo spettro, 1940) e Monsieur Beaucaire (Monsieur Beaucaire, 1946).

Del'46 è uno dei suoi maggiori successi: The Blue Dahlia (La dalia azzurra), con Alan Ladd e Veronica Lake, un'opera rappresentativa della sensibilità del dopoguerra, dei traumi psicologici e delle disillusioni dei reduci. Gli anni'50 sono piuttosto floridi per la sua attività di regista. Uno dei migliori film di quel periodo è senz'altro Houdini (Il mago Houdini, 1953), uno dei più bei film dedicati al re degli illusionisti, con una accorta regia dedicata a introdurre lo spettatore nei trucchi del mestiere di mago e prestigiatore, mentre Tony Curtis dà al protagonista una convincente interpretazione.

Nel 1959 l'ultimo suo grande film: The Gazebo (Gazebo, 1959), con Glenn Ford e Debbie Reynolds, una farsa nera condotta a ritmo frenetico che strappa moltissime risate. Si spegne a causa di una polmonite il 17 febbraio 1975, all'età di ottantatre anni.


    Powered by ARUBA